Indietro

Sentieri Del Papa

Sentieri Del Papa

In tutta la regione Małopolska c’e tutta una serie di itinerari che ricordano il papa polacco, Karol Wojtyła. Per realizzare l’invito di Giovanni Paolo II, espresso dalle parole: Abbiatemi cura di questi sentieri… , e nata una fondazione apposite che si occupa di tracciare gli itinerari e di organizzare numerosi incontri e funzioni religiose in onore del Santo Padre Giovanni Paolo II, la Fondazione Itinerari del Papa.

Gli itinerari, tracciati in tutta la regione, sono contrassegnati da segnali speciali (croci gialle) e da tabelle informative. Il primo itinerario papale in Polonia, che sores spontaneamente dopo la visita di Giovanni Paolo II sui Tatra nel 1983, molto tempo prima degli altri itinerari di questo tipo, e il sentiero giallo dal Rifugio PTTK di Polana Chochołowska a Dolina Jarząbcza (questo itinerario porta parallelamente al normale sentiero rosso su Trzydniowiański Wierch). Questo primo sentiero papale termina nel posto a cui arrivo il papa durante una breve escursione e vi e stata posta una targa in ricordo di questo evento.

La strada papale “Sursum Corda” percorre la strada del tragitto di Giovanni Paolo II durante il Pellegrinaggio in Patria nel 1997: il Santuario della Madonna di Fatima a Krzeptowki – Gubałowka (1123 m) – Ząb – Ludźmierz (Santuario della Madonna Regina di Podhale).

Sentieri papali sui Pieniny: a piedi da Prehyba (1175 m s.l.m.) lungo il ruscello Sielski fi no a Szlachtowa, che ricorda il tragitto che Karol Wojtyła percorse molte volte, anche d’inverno sugli sci, e il sentiero via fi ume, lungo la svolta del Dunajec (il futuro papa attraverso il famoso Przełom Pieniński in canoa).

Gli itinerari papali a piedi intorno a Raba Wyżna sono: il Sentiero intitolato al card. Karol Wojtyła (Rabska Góra – Ubocz – Rokiciny Podhalańskie, il monastero delle Orsoline – la casa natale del cardinale Stanisław Dziwisz – Łysa Góra – la Casa di Cura “Santa Suora Faustina”– Jamne – Rabska Góra) e il Sentiero “Santo Padre Giovanni Paolo II” (Rabska Góra – Krzyż Milenijny – Raba Wyżna  - Stromówka – Żeleźnica – Kierówka – Bielanka – Sieniawa – Rabska Gora). Sono stati creati nelle terre natali del cardinale Stanisław Dziwisz, segretario personale e stretto collaboratore di Karol Wojtyła e in seguito di Giovanni Paolo II.

Il successivo Sentiero Papale percorre il tragitto dell’ultima escursione del cardinale Karol Wojtyła su Beskid Żywiecki prima del memorabile conclave del 1978: da Skawica attraverso Sucha Góra fi no al Rifugio PTTK su Hala Krupowa, proseguendo per la Catena di Polica al passo Krowiarki.

Sentiero papale nel territorio di Jordanow porta da Jordanow (Santuario della Madonna di Jordanow) attraverso “Polanka Harcerska” e Toporzysko na Wysoką e al sentiero turistico azzurro e giallo sul monte Ludwiki (653 m).

Sentiero Cuori Bianchi da Rzyk-Jagodek permette di raggiungere la vetta Groń Jana Pawła II (890 m), dove si trova una cappella dedicata al papa. E appositamente preparato pensando ai turisti meno agili e piu anziani.

Sentiero Papale Mariano – Sentiero della Rosa d’Oro porta dal quartiere cracoviano di Dębniki attraverso Skawina e Radziszow a Kalwaria Zebrzydowska (Santuario Mariano della Passione), Wadowice, Sucha Beskidzka e Makow Podhalański (Santuario della Madonna Protettrice delle Famiglie). Da qui e possibile recarsi, passando per Jordanow (Santuario della Madonna di Jordanow), Spytkowice e Raba Wyżna a Ludźmierz (Santuario della Madonna Regina di Pohale) o anche a Ludźmierz passando per Zawoja, passo Krowiarki e Jabłonka.

Alla prima funzione di Karol Wojtyła, vicario nella parrocchia di Niegowić su Pogorze Wielickie e legato il Sentiero Papale Niegowić – Łapanow.

Nei pressi di Cracovia e stato anche tracciato il Sentiero papale dei dintorni di Cracovia che passa attraverso pittoresche localita: Salwator – Tumulo di Kościuszko – Tumulo di Piłsudski – convento dei Camaldolesi a Bielany – Kryspinow – Gola Mnikowski – Krzeszowice – convento dei Carmelitani a Czerna (Santuario della Madonna dello Scapolare e di San Raff aele di San Giuseppe/Rafał Kalinowski) e prosegue per le valli giurassiche nei pressi di Cracovia fi no a Balice.

A Cracovia vale la pena visitare i luoghi legati a Giovanni Paolo II lungo l’Itinerario del Papa a Cracovia. Il percorso comincia davanti al Palazzo Vescovile di Cracovia e passa accanto alla chiesa dei Francescani (Santuario della Madonna Addolorata), alla Basilica Arcicattedrale dei SS. Stanislao e Venceslao sul Wawel, alla chiesa sulla Roccia /Na Skałce/ (Santuario di Santo Stanislao), alla chiesa Arca del Signore a Nowa Huta (Santuario della Madonna di Fatima), Santuario della Divina Misericordia a Cracovia-Łagiewniki fi no all’aeroporto internazionale “Jana Pawła II” a Cracovia-Balice.

Un altro percorso e l’Itinerario nel territorio di Chrzanow, che ricorda i luoghi della provincia di Chrzanow in cui ha soggiornato Karol Wojtyła. L’itinerario porta da Chrzanow passando per Trzebinia (Santuario della Madonna di Fatima), Płoki (Santuario della Madonna Patrona delle Famiglie Polacche Operaie), Alwernia (Santuario del Signore Gesu Misericordioso), Mętkow (chiesetta in legno trasferita da Niegowić) e ritorna a Chrzanow.

Itinerario papale della małopolska “Giovanni Paolo II”. L’Itinerario Papale della Małopolska intitolato a Giovanni Paolo II e stato creato per commemorare il viaggio che il Santo Padre fece nel 1999 da Cracovia a Stary Sącz. Tuttavia l’itinerario non conduce precisamente per quella strada che allora percorse la colonna di automobili pontifi cie. L’Itinerario Papale della Małpolska “Giovanni Paolo II” e una proposta di escursione nei luoghi che Karol Wojtyła amava particolarmente sui monti Beskidy e sui Tatra. Infatti e noto che le montagne e le escursioni alpine Gli erano particolarmente care. Percorse cime e foreste sui Carpazi polacchi sia da solo, sia insieme ad amici sia come guida spirituale dei giovani. Sui Beskidy, e perfi no sui Tatra, si recava non solo in estate L’Itinerario Papale della Małpolska, apertonnel 2003 e al tempo stesso la realizzazione dell’invito che Giovanni Paolo II rivolse ai Polacchi: Abbiatemi cura di questi sentieri…. L’Itinerario Papale non e un percorso appositamente segnato, ma porta lungo i sentieri esistenti, che in molti posti sono stati contrassegnati ulteriormente con croci gialle.

Parte principale dell’itinerario – da Kalwaria Zebrzydowska a Stary Sącz – comprende circa 230 km di lunghezza. L’escursione comincia a Kalwaria Zebrzydowska (Santuario Mariano della Passione). Poi il sentiero porta attraverso il Beskid Średni: Kalwaria Zebrzydowska – monte Żar (527 m s.l.m.) – Jaroszowicka Gora (544 m s.l.m.) – Wadowice. Wadowice e il punto di partenza sulle montagne Beskid Mały, “Montagne di casa” di Karol Wojtyła: Wadowice – Groń Jana Pawła II (890 m s.l.m.) con una cappella dedicata al papa – Leskowiec (922 m s.l.m.) – Łamana Skała (929 m s.l.m.) – Hucisko. Poi l’itinerario porta attraverso le montagne Beskid Żywiecki: Koszarawa – Czerniawa Sucha (1062 m s.l.m.) – Hala Kamińskiego – Zawoja – Skawica – Hala Krupowa – Polica (1369 m s.l.m.) – passo Krowiarki – Zubrzyca Gorna (Prco Etnografi co Orawski) – passo Bory – Raba Wyżna – Rabska Gora (783 m s.l.m.) – Sieniawa – passo Pieniążkowicka – Ludźmierz (Santuario della Madonna di Ludźmierz, Regina di Podhale) – Nowy Targ. Da Nowy Targ si continua per Gorce: Kowaniec – Hala Rusnakowa con una cappella dedicata al. papa – Turbacz (1310 m s.l.m.) – Czoło Turbacza (1259 m s.l.m.) e Szałasowy Ołtarz – valle di Kamienica (detta “Papieżowka”) – Gorc (1228 m s.l.m.) – Ochotnica Dolna – Lubań (1211 m s.l.m.) – Krościenko nad Dunajcem. L’ultimo tratto dell’itinerario porta per le montagne Beskid Sądecki: Krościenko – Dzwonkowka (983 m s.l.m.) – Prehyba (1175 m s.l.m.) – Stary Sącz (Santuario di Santa Cunegonda).

Oltre all’itinerario principale ci sono anche sentieri – varianti del percorso:

– Su Beskid Średni: Kalwaria Zebrzydowska – Lanckorońska Gora (545 m s.l.m.) – Lanckorona – Myślenice (Santuario della Madonna di Myślenice) – Uklejna (677 m s.l.m.) – Chełm (613 m) – Myślenice

– Su Beskid Żywiecki: passo Krowiarki – Babia Gora (1725 m s.l.m.) – Markowe Szczawiny – passo Krowiarki

– Su Beskid Wyspowy ben tre: Rabska Gora nad Rabą Wyżną (783 m s.l.m.) – Rabka-Zdroj – Luboń Wielki (1022 m s.l.m.) – Szczebel (976 m s.l.m.) – Lubogoszcz (968 m s.l.m.) – Kasina Wielka – Centro di Ritiro Spirituale Śnieżnica – Ćwilin (1072 m s.l.m.) – Jurkow – Mogielica (1170 m s.l.m.) – passo Przysłop nad Lubomierzem; seconda variante: Mogielica – passo Słopnicka – Cichoń (928 m s.l.m.) – Łukowica – Limanowa (Santuario della Madonna Addolorata); terza variante: Jasień (1062 m s.l.m.) – Mszana Dolna

– Podhale e sui Tatra: Ludźmierz (Santuario della Madonna Regina di Podhale) – Szaflary – Ząb – Gubałowka (1123 m s.l.m.) – Zakopane-Krzeptowki (Santuario della Madonna di Fatima) – Valle Chochołowska – “Ścieżka nad Reglami” (nome del sentiero) – Eremon di Santo Frate Alberto a Kalatowki – Jaszczurowka – Rusinowa Polana e Wiktorowki (Santuario della Madonna di Jaworz, regina dei Tatra) – Palenica Białczańska – Morskie Oko

– a Gorce: Turbacz (1310 m) – passo Knurowska – Lubań (1211 m)

– su Beskid Sądecki – catena Radziejowa: Dzwonkowka (983 m) – “Błyszcz” (945 m s.l.m., cappella in memoria) – Tylmanowa

– e su Beskid Sądecki e Niski: Stary Sącz (Santuario di Santa Cunegonda) – Barcice – Makowica (948 m s.l.m.) – Hala Łabowska – Jaworzyna Krynicka (1114 m s.l.m.) – Krynica- - Zdroj e proseguendo attraverso Beskid Niski lungo il Sentiero rosso Principale dei Beskidy “K. Sosnowski”.

Multimedia

Gioca Gioca

Risorse Correlate