Rom

I Rom chiamati anche Zingari, sono un gruppo etnico di origine indiana, la quale mai possedeva un proprio stato. Fino a poco tempo fa la comunità conduceva la vita da nomade, trasferendosi con i tipici carri. Nel territorio della Polonia gli zingari vennero attorno al Quattrocento. Dal Seiciento fino alla Seconda guerra mondiale funziono nella comunità Rom un ruolo di cosiddetto re zingaro che fu un supremo rappresentante nei contatti con le autorità dello Stato. Alla fine del XVIII sec. i Rom polacchi ottennero i diritti civici.  Durante l’occupazione nazista ebbe luogo uno sterminio di popolazione Rom, chiamato Porrajmos. Attualmente in Polonia vivino quettro gruppi di Rom: Bergitka Roma (che abita principalmente la zona dei Carpazi e Valle di Kłodzko), Polska Roma (nelle pianure del paese) e piccolo gruppi di Kełderasze e Lowarzy, che provengono dalla Romania e dalla Moldavia. I Rom non avevano la propria religione, ma accettavano la religione dominante del paese in cui vivevano. Per tale ragione la maggioranza dei Rom polacchi è cattolica, anche se gran parte dei Kełderasze appartiene alla chiesa ortodossa. Una carattersitica della spiritualità rom consiste in sincretismo, ovvero nell’unire, in questo caso la religione cattolica con le proprie credenze e tradizione. I Rom sono superstiziosi, credono in potere di diversi amuleti, magia e forze maligne. Hanno rispetto per i morti perché credono che essi riescano ad incarnarsi in forma di uomini o animali. Sono le influenze della mitologia indiana, leggende e superstizioni pagane conosiute dai Rom durante i loro cammini in Asia ed in Europa. La spiritualità rom è legata alla tradizione che si basa sulla famiglia, autorità degli anziani e legami di parentela. Si accentuano tutte le celebrazioni familiari, in particolare la nascità del nuovo membro di famiglia o la morte. Invece le festività cattoliche non hanno tale importanza. Nonostante questo, ogni anno si organizza un pellegrinaggio dei Rom alla Basilica della Vergine addolorata di Limanowa e in Jasna Góra. La conferenza dei vescovi polacchi convocò un sacerdote dei Rom, responsabile per la catechesi della comunità e la collaborazione con associazioni e le autorità statali. In Małopolska, un evento importante legato alla spiritualità rom è cosidetto Carro di viaggio in memoria dei Rom, organizzato dal Museo regionale di Tarnów. Per qualche giorno i Rom tornano a camminare tra le città e villaggi visitanto i luoghi del martirio della propria nazione durante la Seconda guerra mondiale. Il Museo di Tarnów posside anche una ricca collezione riguardante la cultura e storia dei Rom. Nel luglio 2013 a Cracovia è stato organizzato per la prima volta il Giorno Internazionale della Cultura dei Rom, il cui scopo era quello di familiarizzare gli abitanti della città ed i turisti con le tradizioni di questo gruppo etnico.

Multimedia

Gioca Gioca