Indietro

Cracovia

Cracovia

 

A Cracovia, i luoghi legati a Papa Wojtyła sono davvero numerosi. Vale la pena menzionare prima di tutto il Palazzo degli Arcivescovi di Cracovia in via Franciszkańska. Qui visse durante il suo servizio episcopale a Cracovia, ma anche come ospite speciale, quando veniva in pellegrinaggio nella sua terra natia come Papa Giovanni Paolo II. Proprio stando affacciato alla finestra del palazzo, faceva la sera le sue celebri conversazioni con i giovani.
Prima che il futuro Papa si trasferisse in via Franciszkańska, prima come sacerdote, poi come vescovo suffraganeo negli anni 1953-1967, ha vissuto in una delle più belle strade di Cracovia: via Kanoniczna. Oggi è sede del Museo di Cracovia, che presenta tra l'altro i ricordi associati con la persona del Santo Padre. Messa a disposizione del pubblico è anche la stanza, in cui abitava il futuro Papa. Uno degli oggetti in questa sala sono gli sci, perché Karol Wojtyla, anche dopo la sua elezione al papato, amava sciare lungo i pendii delle montagne innevate. Poco più sopra la via Kanonicza sorge il castello e la cattedrale di Wawel. La Basilica Cattedrale di San Stanislao Vescovo e Martire e Santo Venceslao è stato il luogo dove Karol Wojtyła celebrò la sua prima Santa Messa (nella cripta romanica di S. Leonardo). Anche qui, fu consacrato vescovo e ha fatto ingresso come il nuovo arcivescovo di Cracovia, e da Papa, ha visitato la "sua" cattedrale sette volte.
Un punto importante sulla mappa di Cracovia associato con la persona di Karol Wojtyła è anche Błonia, dove avevano luogo le grandi messe del Papa. Oggi, il luogo dove era stato costruito l'altare, lo commemora un grande masso.

A Cracovia, i luoghi legati a Papa Wojtyła sono davvero numerosi. Vale la pena menzionare prima di tutto il Palazzo degli Arcivescovi di Cracovia in via Franciszkańska. Qui visse durante il suo servizio episcopale a Cracovia, ma anche come ospite speciale, quando veniva in pellegrinaggio nella sua terra natia come Papa Giovanni Paolo II. Proprio stando affacciato alla finestra del palazzo, faceva la sera le sue celebri conversazioni con i giovani.

Prima che il futuro Papa si trasferisse in via Franciszkańska, prima come sacerdote, poi come vescovo suffraganeo negli anni 1953-1967, ha vissuto in una delle più belle strade di Cracovia: via Kanoniczna. Oggi è sede del Museo di Cracovia, che presenta tra l'altro i ricordi associati con la persona del Santo Padre. Messa a disposizione del pubblico è anche la stanza, in cui abitava il futuro Papa. Uno degli oggetti in questa sala sono gli sci, perché Karol Wojtyla, anche dopo la sua elezione al papato, amava sciare lungo i pendii delle montagne innevate. Poco più sopra la via Kanonicza sorge il castello e la cattedrale di Wawel. La Basilica Cattedrale di San Stanislao Vescovo e Martire e Santo Venceslao è stato il luogo dove Karol Wojtyła celebrò la sua prima Santa Messa (nella cripta romanica di S. Leonardo). Anche qui, fu consacrato vescovo e ha fatto ingresso come il nuovo arcivescovo di Cracovia, e da Papa, ha visitato la "sua" cattedrale sette volte.

Un punto importante sulla mappa di Cracovia associato con la persona di Karol Wojtyła è anche Błonia, dove avevano luogo le grandi messe del Papa. Oggi, il luogo dove era stato costruito l'altare, lo commemora un grande masso.

 
     
Santuario
di San Giovanni Paolo II a Cracovia Lagiewniki, pietra tombale di San Giovanni Paolo II, Wikimedia Commons

Cracovia, sulle orme di San Giovanni Paolo II


 

 

Gioca Gioca

Risorse Correlate