Indietro

Complesso architettonico con il parco a Kalwaria Zebrzydowska

Complesso architettonico con il parco a Kalwaria Zebrzydowska

Kalwaria Zebrzydowska è un eccezionale paesaggio culturale, dove si uniscono in modo armonico i valori naturali con quelli spirituali Il complesso architettonico con il parco è composto dal santuario e dalla via crucis, inserita nell'ambiente circostante. Gli edifici con la rete di viuzze s’inseriscono nel paesaggio, creando la scenografia naturale di carattere sacro. Un’unione perfetta tra l'ambiente naturale e l'opera umana (chiese, cappelle, figure, ponti) ha costituito il motivo, per il quale il Santuario di Kalwaria Zebrzydowska è stato iscritto dall’UNESCO nell'elenco del Patrimonio Mondiale nel 1999. Oggi il complesso di Kalwaria Zebrzydowska insieme a Częstochowa rappresenta il maggiore centro di pellegrinaggio in Polonia.
Il Santuario e la via crucis devono la propria esistenza a Mikołaj Zebrzydowski, voivoda di Cracovia, il quale fondò nel 1600 la cappella della Crocefissione del Gesù, e chiamò i Bernardini per custodirla ( i Bernardini costruirono la chiesa e il convento) e sostenne la costruzione della via crucis, basata su quella di Gerusalemme. Kalwaria è stata fondata sulle colline, perché doveva ricordare la città santa. Scegliendo il posto per la cappella, hanno mantenuto le distanze e le proporzioni di quelle di Gerusalemme. La maggiore delle quaranta costruzioni che compongono il calvario è stata innalzata nella prima metà del XVII secolo. Allora, sul versante ripido sono state create le Scale Sante (Gradusy), coperte dal tetto semisferico. Sui ventotto gradini sono state collocate le reliquie provenienti dalla Terra Santa.
Durante le sagre e le feste i sentieri del calvario sono stati attraversati dai pellegrini in processione (Sentieri del Gesù o della Madonna). Un’indimenticabile esperienza spirituale è la partecipazione alla celebrazione durante la Settimana Santa del Mistero del Calvario.
La chiesa più importante di Kalwaria Zebrzydowska è la basilica della Madre degli Angeli (nel complesso del convento). Nella chiesa si trova il famoso ritratto della Madonna del Calvario. Il quadro è arrivato nel convento nel 1641, quando il suo proprietario notò sulla faccia della Madonna le lacrime di sangue. La commissione sacra, non essendo convinta, vietò di esporre il quadro al pubblico e dispose di conservarlo nella tesoreria. A causa delle pressioni dei Bernardini la decisione fu cambiata e il quadro miracoloso conquistò velocemente i cuori dei fedeli. Kalwaria Zebrzydowska divenne un importante centro di culto mariano.

Santuario mariano della passione – convento dei Bernardini, ul. Bernardyńska 46 (si arriva dalla città tramite via 3 Maja e Bernardyńska), Kalwaria Zebrzydowska, cancello del convento tel.: +48 33 8766304; i pellegrini e i turisti che arrivano al santuario in gruppi organizzati ( da 15 persone in su) possono richiedere la guida che illustrerà la storia del santuario e condurrà la preghiera sui sentieri (prenotazione tel.: +48 33 8766304); ingresso libero al parco paesaggistico di pellegrinaggio.

Vale la pena di vedere nei dintorni!
Chiesa di Santo Sepolcro della Madre di Dio a Brody, facente parte del complesso sacro di Kalwaria Zebrzydowska.
Lanckorona con le costruzioni in legno ben conservate del XIX secolo caratteristiche per le piccole cittadine.
Wadowice, la città natia del Santo Padre Santo Giovanni Paolo II.

Gioca Gioca